Barca di metà ‘900 nel ricordo di Margherita Fontani

Sulla pagina “Le nostre orme – Castel Berardengo”, curata dallo storico Fosco Vivi, (noto anche per aver dato alle stampe il prezioso volume “La Berardenga e il suo castello nuovo”  (in collaborazione con il professor Mario Ascheri, Roberto Farinelli, Gabriele Fattorini, Pierluigi Licciardello, Paolo Cammarosano) si parla di vita vissuta, di quando il borgo e la chiesa di Barca, (da anni in stato avanzato di abbandono e decadenza) erano abitati e vissuti.
Da notare, all’ingresso del villaggio, una lapide, quasi illeggibile con i nomi dei dieci caduti della Prima Guerra Mondiale, che rischiano di finire definitivamente nell’oblio.

“Negli anni 40-50 alla Gazzara viveva una numerosa famiglia di contadini e un uomo di questa famiglia, sodo( cioe’ scapolo )stava sempre nei campi con i maiali e faceva la calza per tutta la famiglia.Barca aveva la bottega con Sali e tabacchi e si trovava nel piazzaletto sotto la chiesa. Nelle case coloniche sopra la rupe abitavano due grandi famiglie e in cima alla scala esterna c’era la scuola con la maestra Annina Fabbri Salvadori. C’erano due turni: dalle 8 alle 10,30 la seconda e la terza classe e dalle10,30 alle 13 entravano i bambini della prima.Il prete era don Virgilio di Castelnuovo con la perpetua Beppina che ci faceva la dottrina. Davanti alla chiesa abitava Osanna, una compagna di scuola mia e il suo babbo faceva il sacrestano. Nel fabbricato in basso viveva la famiglia Aldinucci che gestiva la bottega e il padre faceva il fabbro.Un inquilino oltre che operaio agricolo faceva il barbiere e un altro faceva il calzolaio. A Barca non mancava niente! Una quarantina di ragazzi andavano a scuola e alla dottrina a Barca .Era un posto vivo e ci divertivamo da matti, liberi e indipendenti. Ora vedere quell’abbandono mette tristezza e nostalgia”.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Etruscany, Federica, Fotografie 2020, italians, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...