Archivi del mese: febbraio 2008

Albe, maree, tramonti. Scogli

Alti e bassi, dei giorni, del corpo, dell’anima. Non ti devi preoccupare, ci sono, me ne faccio carico, li sollevo sulle spalle per il bene ti voglio. Assorbo io i tuoi bassi, li rimugino, li pastorizzo, li restituisco sotto forma … Continua a leggere

Pubblicato in ammare | 12 commenti

Mignola

Barriscimi un sorriso. O una malva di rughe un tombino di nacchere una macchia di ginepri un cacio coi buchi una gomma bucata un vino acetato un foglio vetrato una cataratta una tignola nel letto un fai cose buone una … Continua a leggere

Pubblicato in ammare | Lascia un commento

Silvio, l’ercolino nostro

Berlusconi: ‘Signor parroco, mi vorrei confessare Parroco: ‘Certo figliolo, qual’è il tuo nome?’ Berlusconi: ‘Silvio Berlusconi, padre. ‘Parroco: ‘Ah! Ah! Il presidente del Consiglio!? ‘Berlusconi: ‘Si, padre. ‘Parroco: ‘Ascolta, figliolo, credo che il tuo caso richieda una competenza superiore. E’ … Continua a leggere

Pubblicato in italians | 2 commenti

Foto: 17.30 – 17.32. Ciao e addomani

      Bisogna fare in fretta per cogliere i secondi che servono alla palla di sole per mettersi a letto, per una volta ce l’ho fatta, ero attrezzato allo scopo. Niente di particolare, niente foto che faranno epoca, solo … Continua a leggere

Pubblicato in ammare, fotografie | Lascia un commento

Foto: arrivare a Siena di traverso

Bello ogni tanto concedersi un giro per andare in un posto e non avere fretta, si ha così la possibilità di passare per strade traverse che non sono necessariamente veloci, ma in questo modo  si ha la possibilità di ripassare … Continua a leggere

Pubblicato in fotografie | Lascia un commento

Concimatura olivi 2008

Lo scorso anno gli olivi hanno preso una media di 20 kg di letame a pianta ed in questo momento se ne stanno vedendo i risultati, dato che si sono riempiti di legname nuovo e le foglie, invece che essere … Continua a leggere

Pubblicato in campino e olio | 4 commenti

Svendemmie

Uve verdi che non arrivano a maturare, che osservano e mi respingono. Niente raggi sugli acini, uve che rimarranno agresti. Non importa, ho la gioia del tuo sorriso, del tuo aspro calore, del tuo volermi bene, il resto avanza sempre.

Pubblicato in ammare | Lascia un commento