Pellegrinaggio alla porchetta di Aldo, Monte San Savino

Il superbo Giardino delle Rose, del Palazzo Comunale, la chiesa di Santa Chiara con le opere invetriate dei Della Robbia, la chiesa della Misericordia e di Sant’Agostino, la vecchia Sinagoga e la storia degli Ebrei che hanno vissuto intensamente in questa comunità.
Poi, la bottega di Aldo, dai primi anni ’60, epicentro della cottura nel forno e creatore della Sagra della Porchetta, che fra le tante foto esposte alle pareti, ha sue giornata con Pupo e il Papa Francesco, altri personaggi famosi di ogni campo, che quando Aldo muove il coltello per partire la porchetta, si mettono in compunto silenzio, per assistere a questa indimenticabile e saporita liturgia.

Pubblicato in Arte e curtura, cose buone dal mondo, Federica, Fotografie 2021, persone | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Premio Calici di Stelle alle Stelle dello Spettacolo 2021

Il tutto ruota intorno a Castelnuovo Berardenga, con la base operativa nel piccolo borgo di quiete e idee che è Rosennano (Musical Days) e poi il tutto si espande nel territorio circostante, con la Villa a Sesta, intesa come paese, lo spaziale Circolo ARCI e l’omonima azienda vitivinicola che ospiterà la cena di gala con il primo dei due spettacoli, mentre il secondo, si svolgerà nella piena Piazza Marconi del capoluogo, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Città del Vino che cura da sempre le serate di “Calici di Stelle”.
I nomi degli artisti partecipanti e premiati, sono gelosamente custoditi, ma saranno svelati in una prossima conferenza stampa.
Noto invece il programma e le date della due serate che sono venerdi 6 e sabato 7 agosto.

Venerdi 6 agosto

ore 19,30: Cena di Gala con gli artisti e i premiati presso la sede della Casa Vinicola Villa a Sesta, a seguire ore 21,30 lo spettacolo

Le Signorine – Trio vocale italiano
“UN CAFFÈ CON I CANTAUTORI”
con Claudia Cecchini, Lucia Agostino, Benedetta Nistri
Chitarra: Vieri Sturlini -Contrabbasso: Tommaso Faglia -Percussioni: Duccio Bonciani
Arrangiamenti: Francesco Giorgi
Dedicato alla musica di alcuni tra i più importanti cantautori italiani, un caffè con i
cantautori è un concerto cantato e suonato dal vivo, nel pieno stile del trio vocale Le
Signorine. Filo conduttore è l’eleganza e la poesia che caratterizzano tutti i pezzi scelti,
accuratamente riarrangiati per trio vocale.
In questo concerto le Signorine scelgono un’atmosfera incantata, quasi onirica
trasportando il pubblico nella magia che solo la musica dei cantautori italiani riesce a
trasmettere. Gli accessori, le acconciature e i costumi dello spettacolo sono
ricercatamente vintage e curati nei minimi dettagli.

Sabato 7 agosto
Ore 18,30
Giardini della Società Filarmonica, piazza della Citerna 4
Presentazione del Libro di FRANCESCA NUNZI
“UOMINI SENZA UCCELLO”
con Aperitivo

ore 21,30
Piazza Marconi Castelnuovo Berardenga
Musical Night – Premio Calici di Stelle alle Stelle dello Spettacolo
“TORNARE A VOLARE … PENTAGRAMMA DI PAROLE”
Una serata di grande spettacolo, animata da alcuni tra i più apprezzati professionisti della scena teatrale e musicale italiana, dalla prosa, alla musica leggera fino al musical che smuove le nuove generazioni di pubblico e performers …

Lo spettacolo dal vivo si riprende la scena, per riconquistare, ancora una volta, come una fenice mai vinta, il regno delle nostre emozioni. Luci, suoni, un tessuto di colori che si fonde con le suggestioni naturali del territorio per un evento unico, la seconda edizione di un sogno che si rinnova e consolida.

Al termine della serata la consegna dei PREMI CALICI DI STELLE ALLE STELLE DELLO SPETTACOLO,
ideale unione tra la gioia e la cultura del vino nel nostro territorio e la gioia e la cultura delle arti popolari che da sempre accompagnano la necessità di “andare oltre” il tangibile nel nostro viaggio di esseri umani, creati per essere emozioni.

Per contatti e informazioni: Laura Cellerini 3402533065

Pubblicato in Arte e curtura, Berardenga, Federica, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

I volontari del Parco dell’Acqua di Rapolano Terme

Due sono i volontari che si prestano alle cure che necessita questo splendido esempio di Parco Pubblico, posto di fronte a uno stabilimento termale e sede di ritrovamenti preistorici e di epoca etrusca.
Serve rasare l’erba due volte a settimana e irrigare costantemente il prato, per mantenerlo fresco e verde, ma serve soprattutto la costanza di mantenerlo pulito al netto delle persone che ne beneficiano e non lasciano l’area come l’hanno trovata.
Passeggiatine di cani al guinzaglio e non, con prevedibili e spiacevoli reperti che possono essere trovati sotto la scarpa o spalmati su un pallone, carte, confezioni di the con cannuccia, i molti che eccellono nel lancio della cicca, le bande di monelli che imperversano e che spesso si divertono a rompere le bottiglie (della birra) sul muro del capanno degli attrezzi.
Chi ama, non si scoraggia e cerca ugualmente di portare avanti il decoro del parco, ancora con più entusiasmo e presenza, cercando di ottenere anche un passaggio più assiduo delle forze dell’ordine, al fine di scoraggiare comportamenti incivili.

C’è un lago di acqua sorgiva, ci sono germani, cigni, vari pesci e piccioni in transito che ne beneficiano, ma l’acqua è stagnante, servirebbe l’acquisto di una pompa per tenerla in movimento e renderla più limpida.
L’Amministrazione del sindaco Alessandro Starnini, è una continua officina di idee interessanti quali l’uso della Grancia delle Serre per contenere opere degli Uffizi, un dibattito nazionale sul diritto dei bimbi alla Scuola Materna, la tentata manifestazione di fronte al Palazzo delle Poste di Siena per riottenere un Postamat scassinato da dei filibusteri, le tante, tante opere di ediliza pubblica che sono state messe in cantiere e sono in fase di attuazione.

In tutto questo serve solo un piccolo sforzo di buona volontà per il Parco dell’Acqua: dopo aver acquistato di un decespugliatore e la realizzazione di un piccolo cancello, serve poco a rendere ancora più bella questa area: una pompa per movimentare l’acqua dello stagno.
Fonte: Il Cittadino

Pubblicato in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2021, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Bassa, pesa e senza scarpe a punta

vigna nuova salvino

Una volta messe a dimora le nuove viti nel terreno morbido e fresco appena scassato, è un veloce mannifestarsi di foglie sempre più vispe, sempre più verdi.
Al contempo, iniziano a manifestarsi anche le prime erbe infestanti, che quando sono troppo vicine alle viti, ne opprimono le radici e la crescita.
Un passaggio a pochi giri con trattore supportato dal Nardi a molle, permette di contenere le vie centrali, ma a ridosso delle viti, l’erba non si contiene con gli antani luccicanti delle scarpe nere a punta, ma con l’ubiddiente, la zappa e la schiena curvata al sole e al suolo.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

A piedi nudi nella guazza del Chianti

Alzarsi presto la mattina comporta svolgere azioni con il fresco e azionare l’olfatto in una mescolanza di fragranze mescolate fra loro che variano dalla gentilezza del caprifoglio, al secco aroma di ginestre, elicrisio, roselline, lavanda, timo selvatico, il sentore superiore che rimanda al limone degli ulivi, per non parlare dell’uva in fiore.
Menta, melissa, camomilla, dove prima c’erano orti, nipitella e pungente finocchio selvatico che nascono alla rinfusa per sodi e prode.
Splendide signore a passeggio, inebriate di questi profumi fecoondi, la tanta quiete e silenzio che ha sempre un valore inarrivabile quanto una rondine cardiaca.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Le sessanta candeline di Zagor

zagor

Sono ben sessanta le candeline da soffiare per lo “Spirito con la scure” proprio in questo mese di giugno cade il compleanno di Zagor, personaggio delle edicole, partorito dalla fantasia e dall’immaginazione di Sergio Bonelli, sotto lo pseudonimo di Guido Nolitta e graficamente nato dalla mano di Galieno Ferri, creatore anche di un altro personaggio bonelliano quale il pilota amazonico Mister No.
In edicola, si trova il numero attuale di Zagor con allegata la striscia di esordio del fumetto ora curato, coccolato, letto e sognato da Moreno Burattini.

Pubblicato in Arte e curtura, persone | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Il chiostrino di Ama nel Chianti

Un cartello lo indica come un appostamento fisso di caccia, ma la struttura, la posizione, una grande quercia che lo copre d’ombra e ghiante, il tetto a botte, lo rendono un piccolo gioiello d’arte agricola, che molto probabilmente un tempo serviva per accogliere il maiale a ingrasso per uso famigliare.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021 | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Vertine, il restauro della croce di Sant’Anna

Infilata (come merita) in un folto greppo oscuro avvolto di macchie quella croce fatta con il legno di risulta da un pancale, nel disamore e nel placare quel poco di coscienza per aver ribaltato il cippo e aver provveduto dopo anni al suo rialzamento, mentre si edificavano spazi e abusi ritenuti più importanti e appaganti al proprio essere ipocritamente credente, ecco che si materializza un legno nuovo, ben trattato.
Non che una croce fatta da legno di recupero di pancale e con una traversa di pochi centimetri sia da considerarsi di minor valore.
Minore erano solo amore e percezione di un qualcosa che c’era da tempo immemore, dove il vecchio Beppe della Casina, dette fondo a tutto il suo vinsanto il giorno dell’inaugurazione della strada comunale di Vertine, pur di non chinare il capo a indegni gerarchi di regime.
Il cuore batte sempre forte fra chi è stato, ha vissuto o è nato nel Popolo di San Bartolomeo a Vertine, che pur stando sempre discosti dall’incenso e certi di non essere indotti in tentazione da quei turbamenti, osano dire, ma soprattutto osano fare opera di restauro della memoria.
E infatti arriva Patrizio da San Giovanni con una stecca di abete verniciata, il tiragraffi del gatto segato a mezzo per tirarci fuori il bicchierino per i fiori e la posiziona al posto del pancale.
Altri amatori che passano, non hanno difficoltà a fare spazio fra la vegetazione, per rendere il cippo più visibile a chi passa, come era una volta.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Monteriggioni Borgo della Cultura, un ricco cartellone

L’aperitivo al ricco cartellone di ben 56 appuntamenti dell’estate di Monteriggioni è stato dato dal professor Alessandro Barbero (noto ricercatore e volto di Rai Storia) che ha parlato di Dante, in uno dei luoghi della Divina Commedia: “Come in sulla cerchia tonda Monteriggion di torri si corona…” coadiuvato da Dario Ceccherini, il sindaco Andrea Frosini e dal meritevole Assessore alla Cultura, l’archeologo Marco Valenti.
Musica, cinema, teatro,, animazione, dal 1 luglio, fino all’ 11 settembre Monteriggioni diventa sempre più Borgo dell’Arte e della Cultura con personaggi come Bobo Rondelli, Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli, Stegano “Cocco” Cantini, Antonello Salis, Antonio Sorgentone e Marina Rei, gli archi dell’Orchestra Regionale della Toscana, la lirica, il jazz, la musica irlandese.

Gli astrofisici Gaia Guidetti e Alex Marchini, serate di fumetti e illustrazioni e AlValenti.

Concerto con l’Accademia Chigiana a San Leonardo al Lago.
Un calendario fitto di date e attrattive di qualità che fanno di Monteriggioni una capitale estiva della cultura.

Pubblicato in Arte e curtura, Cinema, Federica, Fotografie 2021, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Castellina, il gelato di plastica in Via delle Volte

Omologazione: lo sguardo rinuniciatario e attonito di una splendida opera che ritrae una signora caraibica affacciata a una cornice di finestra in pietra serena, coglie il giusto stato d’animo di quanti, passando nelle medievale Via delle Volte, si imbattono nel cono gelato gigante, bigusto in plastica, avvitato tramite staffa e innumerevoli tasselli a un muro carico di secoli, ma privo di arrossamenti da disagio, sul viso.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Federica, Fotografie 2021, italians, La Porta di..... | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento