Grazie dei fiori

Umile e gloriosa fioritura del possibile di inizio primavera, festival dei fiori dei frutti da cogliere all’inizio dell’estate, prodotto interno lordo di massimo valore, che nessun piccolo o grande burocrate, potranno mai scalfire.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

La persiana che oscura via Pantaneto

persiana via di pantaneto

Le piante, come la stanza, necessitano di luce, ma aprendo la persiana, si turba la targa di una via e la toponomastica di un pantano, che poi inglobato all’interno delle mura e ben bonificato, da il nome alla via di Pantaneto.
Fra cavi, fili e tubi, la persiana aperta che oscura il nome di mezza via, diventa una breve ricorrenza allegorica, all’interno di una strada, dedicata alla movida, che la mattina, per chi arriva, con corredo di pisciatine di cani, non diventa un bel vedere.

Pubblicato in Arte e curtura, Etruscany, Federica, Fotografie 2021, italians | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Campi, villaggio etrusco dove nasce l’Ombrone

Un poggio piano, da sopra al quale, in una giornata nitida si può spaziare visivamente aperdita d’occhio fino alle pendici del monte Amiata, un panorama imponente.
Non è un caso che gli etruschi si erano appolaiati e acquartierati lassù in quel poggio piano e dominante, creandovi un villaggio.
Tutto intorno è sinonimo del loro passaggio gli etruschi, nella loro lingua, si chiamavano Rasenna, Rosennano, di fatto è poco distante.
Un villaggio, scivolato via, via nei tempi di importanza, nei confronti della vicino paese di San Gusmè e rimasto borgo agricolo da tanti anni di proprietà della famiglia Socini Guelfi.
Sei gli abitanti, molti gli animali da cortile presenti, incanto di luogo integro non pettinato dai tempi, qui è nato il beato Pier Pettinaio, citato da Dante, qui nasce l’Ombrone, che con la dominazione francese ha permesso al Chianti di accasarsi in provincia di Siena, per via dei suoi torrenti, affluenti dell’Ombrone.

Pubblicato in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2021 | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il coraggio di andare, un libro di Barbara Cioni

il coraggio di andare di barbara cioni

“L’infermiera mi ha vista commossa, ti ha aperto, ti ha preso e messo fra le mie braccia…..è stato un amore fulminante, non esiste un sentimento più forte nella vita per me, mi sono sentita completa, come se avessi trovato un senso nella mia vita, come se fossi nata 33 anni prima per essere la tua mamma”.
Era il 12 gennaio 2011, quando Cosimo decise prepotentemente di uscire dalla protezione della mamma, che per nove mesi l’aveva custodito e iniziare a guardare con i suoi occhi, le sue emozioni, le sue domande, quello che era il supremo dono della vita.
Eri Cosimo, fortemente Cosimo, anche quando ancora non era chiaro e hai corso il rischio di essere chiamato Carolina, come la gattina bianca e nera che aveva il tuo babbo.
Ci si intinge di lacrime leggendo queste poche pagine dedicate alla storia di un cucciolo che è appena nato e già si trova addosso una serie di paroloni difficili pronunciate da camici bianchi, dedicate a un cuoricino che necessita veloci aggiustamenti.
Molte persone hanno visto un elicottero passare sopra la propria testa, pochi ci sono saliti, una di quelle volte c’era dentro Cosimo, a pochi mesi, che volava con il suo babbo carico di dense preoccupazioni, verso l’ospedale di Massa Carrara.

Pensieri e preoccupazioni di mamma dentro stanze in cui mai si vorrebbe essere, mamma fra altre mamme, con rondinotti di nido con problemi troppo più grandi di loro.
Momenti, fragilità e determinazione che solo Barbara può raccontare, in veste di mamma e di protagonista di una storia, di una visione futura della vita e del come andare, che solo il dolore, quello vero, determina a capire.
Una storia finita bene, con un rondinotto che cresce vivace e curioso di conoscere, grazie anche all’opera dei medici pediatrici e dell’Associazione “Un cuore un mondo” di Massa Carrara, a cui andranno i proventi di questo libro, con la prefazione di Beatrice Bocci.

A Cosimo

che la vita possa regalarti

solo gioia e amore puro

perchè nessuno lo merita quanto te

Pubblicato in Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine, libri, persone | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Gli Eroici in attesa

ciclisti-eroici

Come quando il Necchi, il Sassaroli, il Melandri, il Perozzi e il conte Mascetti sono in fase di zingarata stanca e si mettono a cindolare alle giostre in attesa di uno spunto, di un nuovo scherzo da realizzare, di un battesimo da giocare all’acchito del biliardo.
Così gli Eroici, in una foto emblematica di un momento, che alle giostre, attendono da un anno il ritorno alla strada a sterro, alla grufolata nel breccino, al cambio di copertone dopo aver incrociato un sasso sporgente o aver maledetto una macchina che troppo veloce, alza una nuvola di polvere, che copre loro narici e fatica.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il tartufo marzuolo di Vertine

tartufo marzuolo di vertine

Fungo sotterraneo che cresce in simbiosi con le radici di piante come le quercie o i lecci, in terreni aridi e calcarei, come sono infatti i boschi intorno Vertine.
Ci sono i cinghiali, ghiotti fuori dal normale del prezioso tubero che impediscono di fare delle raccolte più proficue, ma con il canino giusto, avendo conoscenza delle mattonelle di bosco precise, ecco spuntare dal suolo una prelibatezza da tagliolini o uova.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Romanticamente Emilio Frati, restauratore del marmo

Enzo Carli, che passa a dirigere l’Opera del Duomo, si impunta a volere l’esperto Emilio per il restauro delle tarsie del Duomo e per tutto quello che riguarda l’ architettura marmorea.
Il Carli si reca persino al ministero di Roma, per strappare Emilio Frati all’Opificio delle Pietre Dure (dove Emilio lavora da anni) e ci riesce in una formula che è quasi un prestito: di quando in quando Emilio, dovrà stare qualche giorno a Firenze per dare un occhio quel che si compie.
Ha sgobbato e studiato duramente, ha vinto un concorso, ha restaurato opere d’arte con la passione e la semplicità di chi le cose le comprende e le conosce.
Ha il laboratorio accanto alla Stalla della Contrada della Torre, spesso è lì, inappuntabile, vestito di bianco come il marmo con cui parla e forma.
Un delitto distoglierlo dal suo lavoro, è come interrompere il corso di un’opera d’arte.

Pubblicato in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2021, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lacrima di vite

lacrima di vite

Terreno soffice di acqua, clima morbido, piacevole, esageratamente caldo, con la luce che ogni giorno aumenta di minutaggio e intensità, con le viti che si fanno sedurre da questa dolcezza prematura, che potrebbe diventare una ferita in caso di una gelata improvvisa.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Il susino che profuma di miele

Normale, sotto un prematuro susino in fiore, avvertire il rombare di uno stormo di api a bottinare sotto il sole.
Incredibile il sentore di miele che si avverte entrando all’interno della pianta, esattamente come aprire un vasetto di millefiori.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Fiocco azzurro e rosa a Vertine: Lionel e Ginevra

Si aprono in fiore le piante della Teresa e si riempiono i nidi di un paio di rondinotti appena schiusi, che allietano dalle tristezze dei mesi trascorsi.
Vertine si ripopola, fiocco azzurro per il piccolo Lionel, fiocco rosa per la piccola Ginevra, con un pensiero a babbo Mimmo che si ritrova in casa ben tre donne e con la Daniela e Ivo, con la loro dolce essenza di essere nonni felici per la quarta volta.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine, persone | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento