Il caso della mappa chianina all’Ufficio Turistico di Siena

mappa siena outlet

Era da diverso tempo che l’Ufficio Turistico all’interno del Santa Maria della Scala non aveva un indispensabile strumento da consegnare ai turisti: la mappa della città, perchè era terminata e andava ristampata.

Questo vuoto di accoglienza e informazione è andato avanti finchè, l’Ufficio Turistico, non ha fornito una nuova mappa, un nuovo strumento per le persone che vengono in vacanza a Siena.
Solo che, fra la precedente mappa e la nuova ci sono delle enormi differenze di qualità e di contenuti, con l’inserimento di un paio di sponsor (un outlet della Val di Chiana e del portale del turismo della città di Arezzo).
Si leggono con difficoltà i nomi delle vie, non sono segnalati i musei e vario altro, come afferma la Guida Turistica Rita Ceccarelli, che si è fatta portavoce di un disagio vasto fra gli addetti e gli operatori del settore.
La Ceccarelli afferma che il comune ha fornito del materiale poco consono a una città Patrimonio dell’Unesco e non si è peritato di ristampare una ben curata e esaustiva mappa creata anni fa dalle Amministrazioni precedenti, che aveva anche il dono di essere già di proprietà comunale, quindi gratuita al netto delle spese di stampa.
Baillame di polemica sui social, con la Ceccarelli che ha avuto il gran merito di tenere sul tema, la barra ben dritta, senza scivolamenti e senza gettare benzina sul fuoco.
La storia ha un lieto fine: il Comune di Siena ha ritirato la mappa chianina e fornito di fotocopie della precedente mappa (ufficiale) l’Ufficio Turisitico, in attesa della ristampa.

Pubblicato in Arte e curtura, Etruscany, Federica, Fotografie 2019, italians, La Porta di..... | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il bimbo di Harry e Megan si chiama come il circolo Villa a Sesta

Harry-Meghan-Archie

Appena venuto alla luce e in buona saluta il bimbo nato dall’amore del principino Harry con la sua bella Megan: i duchi del Sussex hanno comunicato ufficialmente il nome del nuovo nato, un nome che ha preso spunto da una loro visita in incognito autunnale in Toscana, in provincia di Siena, durante la famosa manifestazione del Dit’Unto alla Villa a Sesta, ridente borgo della Berardenga.
Per omaggiare il paese, il suo intraprendente circolo e la sua mille anime Paola Valenti, hanno chiamato il loro bambino “Arci”, come scritto nell’insegna che sovrasta il bar.

Pubblicato in Arte e curtura, Berardenga, Etruscany, Federica, italians, persone | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

La pettirossa

A vederti, c’è il rischio di venire arrestato per abuso di aggettivi, per cui, sintetizzando come ti piace nelle parole e nella vita, ma senza toccare il confine della superficialità, la tua essenza è di esser figlia di un’ape regina imparentata con una stella marina.
Stati d’animo come andirivieni di onde, aperta, solare, ermeticamente stagna, sciolta in volo, quando la tua piccola ombra, si sente coperta da un’ombra più grande che ti fa da guscio: una corazza di pistacchio e nocciola, che si scioglie a vederti.
Ti schiudi dall’uovo ogni giorno, ma oggi di più, il primo cinguettare alla vita per quel tuo cuore che batte tanto come un suono di violino d’autunno calice di stelle, sapore di amore.

Pubblicato in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La Terrazza Mascagni di Livorno

Ci si può giocare a dama o scacchi, ascoltare il profumo e il rumore del mare, guardare i voli e le traiettorie dei gabbiani, perdere una vela all’orizzonte, deliziarsi ai bagni, andare a passeggio come fa ogni giorno Piero Mansani, ascoltare concerti, baciarsi e soprattutto a berci tanti ponci.

Pubblicato in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2019 | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il restauro delle mura di Vertine

Le mura di Vertine, hanno mille anni e qualche acciacco, in corrispondenza della porta d’ingresso al paese, dove qualche sasso è cascato, si è aperta una ferita pericolosa sia per la stabilità del manufatto, sia per la sicurezza delle tante persone che vi passano.
Non appena le bizze climatiche del momento lo permettono, la cinta muraria all’ingresso di questo storico e piccolo angolo di mondo, sarà restaurata e messa in sicurezza.

Fonte: Il Cittadino

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La decadenza della chiesa di San Piero in Avenano

Nel 1745, erano 196 le anime del Popolo di San Piero in Avenano, nel 1833, erano 148, nel censimento del 1936, ben 216, erano le persone che vivevano in tale parrocchia.

Nel 2019, a scanso di qualche centinaio di cinghiali e decine di daini e caprioli, il numero delle persone è pari a zero, con una chiesa depredata di opere d’arte e oggetti vari, in cui spiccavano una serie di angeli in terracotta invetriata in stile o opera Della Robbia, che erano intorno all’altare.
Una parete di edera che disintegra e sorregge le mura, un soffitto che ha toccato il suolo nella navata sinistra, un albero, l’ailanto, che è diventato il simbolo dello stato precario, di un luogo che ha radici nell’anno mille, e che, per il futuro, ha solo l’ambizione di non finire la sua storia in un cumulo di calcinacci franati.

Così come potrebbe accadere alla Pieve di Spaltenna, chiusa da tempo.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, Italia Nostra, italians, La porta di Vertine, La Porta di....., Porcate | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Potare una vigna al secondo anno

Le viti, specialmente quelle nuove, prima vengono potate e prima ripartono a vegetare, per cui, considerando le bizzarrie del clima e le cime ancora imbiancate dei colli circostanti, si sono viste le forbici addosso in questo periodo per evitare improvvise, quanto letali gelate.

Ridotte ai minimi termini e amputate sotto al filo di cortina per sei/sette occhi in  modo da fortificare il tronco e creare, con la vegetazione, un ventaglio, ai lati del paletto di ferro, da cui si vedranno scivolare i primi grappolini di sangiovese e di canaiolo.

Pubblicato in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento