Scelta dell’uva da vinsanto

Giace e riposa in cassetta per un lento appassimento che la porterà, nella settimana santa, a una sgranellatura e a una non severa pressatura.
Sana, perfetta, ansiosa di perdere peso senza fretta e concentrare zuccheri e aromi per un futuro, ottimo, vinsanto.
Con le annate sempre più bollenti e con la concentrazione del sangiovese, non sarebbe una cattiva idea riportare quest’uva bianca a far parte dei nuovi vini rossi come da tradizione, per riacquistare la beva e piacevolezza per cui il Chianti è diventato famoso.

Fonte: Vinix

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Scelta dell’uva da vinsanto

  1. Pingback: Il Vinsanto dall’annata 2019 | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...