Il Pan de’ Santi del forno di Gaiole

Agrodolce

Non hanno molta dimestichezza con il letto e con il riposo Giovanni e Antonietta e come loro tutte le persone che esercitano la professione di “panaio”.

Se la mattina ben prima delle sette, sono già disposti sugli scaffali panini, pizza, dolci, pani all’olio e normali, fruste e donzelle è perchè nel cuore della notte si lievita, si impasta e si cuoce per realizzare questa grazia profumata che viene dal grano.
E nel periodo dei Santi, rifacendosi alla vecchia maniera e ricetta del Pan de’ Santi presa in eredità dal Franci, si materializza questo dolce che si sposa a meraviglia sia con il vino che con il vinsanto.
Si differenzia dalla ricetta senese (il grande eno – gastronomo Giovanni Righi Parenti dice che nasce nella Contrada del Nicchio, famosa per perdere i Pali ordinari e straordinari) per l’assenza di pepe e per la presenza di anice e una spruzzata di cannella.
Di un colore un po’ più scuro, con feroci maledizioni (ai santi) quando si arriva a mangiare l’ultimo pezzo.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2018, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il Pan de’ Santi del forno di Gaiole

  1. Daniela ha detto:

    Diverso da quello senese, a volte troppo secco o troppo pepato, mentre questo non si finisce mai di mangiarne.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...