Lo chef Sonasega Susughi

coccinelle nel piatto foto da bellarnice

La difficoltà più grande risiede nel fare bene le cose semplici e portarle sulla tavola quando è l’ora.
Generazioni di persone si sono alimentate mettendo insieme quanto l’orto, il campo, il bosco, il pollaio, l’oliveta, la stalla e qualche filare di viti potevano offrire alla signora che doveva mettere insieme la benzina per il motore dei propri familiari.
Nascono da quello che c’era la bontà di cose fatte con arte, ma anche con la fantasia come la farinata con i bozzoli di pane secco fritti in poco olio, la minestra di patata o di tre ceci passati o le patate a buglione con il seme di finocchio, fino a scivolare nella regina dell’inverno toscano che è la ribollita.
Il bello di tutta una serie di piatti semplici e per questo difficili è che in ogni borgo ogni famiglia ne ha una propria versione ereditata dal mettere insieme quello che c’era e dalle esperienze e da qualche tocco personale nelle generazioni si alternavano.
Poi è arrivato chi ha capito il senso e la bellezza di questa ricchezza e l’ha scritta, messa su carta, divulgata e fatta conoscere, si tratta di personaggi del calibro di Mario Soldati, Luigi Veronelli, Giovanni Righi Parenti, Aldone Fabrizi per la cucina romana e pochi altri, non citando un certo signore di Forlimpopoli.
Il tempo ha decomposto la memoria, l’industria ha decomposto il gusto e sono nati opinionisti che spiegano e scrivono il peso degli ingredienti della ribollita con qualche chef che la fa con i gamberoni affogati nel cavolo nero mentre la spiega su qualsiasi canale televisivo o ne scrive o ne fa seminari o fa bere tè verde havaiano con il rigatino arrotolato o gente che fa la fila giorni, per mangiare una cipolla caramellata invece che cuocerla lentamente sotto alla cenere calda e condirla con sale, pepe, olio bono e un filo d’aceto.
Niente è più difficile delle cose semplici, ma queste non si possono spiegare…. vanno solo sapute fare.

Questa voce è stata pubblicata in Etruscany, Federica, italians, La Porta di....., Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...