Nebbia nelle Crete Senesi

L’infinito andare, il tempo di coniugazione di un verbo o i celeberrimi versi di Leopardi messi a memoria e dimora sui banchi elementari.
Una nebbia che si impenna e si apre, ridiscende e ammolla fronde, giubbe, erbe e zolle, uno sguardo eloquente e arguto. E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2018 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...