I danni dei cervidi alle vigne del Chianti

Quando le viti in ogni loro fase durante il periodo della vegetazione vengono ripetutamente brucate dai cervi, si arriva alla sterilità produttiva della pianta, alla non lignificazione del tralcio e allo sfarfallamento delle gemme in ogni direzione.

Ciò comporta – in fase di potatura – di non avere il materiale per rimettere il capo a frutto o di non avere la possibilità di rinnovare il cordone.
Per ridare un senso alle vigne brucate dai cervidi occorre tanta tecnica, ma anche tanta fantasia per tagliare, riformare, cercare una speranza di tralcio a cui affidare le speranze di lignificazione per il nuovo anno, sempre che gli animali non ripasteggino di nuovo con le viti, rese così sterili per l’uva, ma per loro, un’ ottima insalata.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, fare vino, Fotografie 2017, italians, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...