Vertine 17 luglio 1944

Caldo afoso di un  pomeriggio in cui la gente non era  nei campi, ma nel chiuso di rifugi e cantine per la discussione in corso fra tedeschi in partenza e inglesi in arrivo.

Intorno alle 16, sbucano da Paiolo  3 blindati inglesi diretti a Vertine, li vede  il prete che inizia a far uscire la gente dai rifugi per andare ad accoglierli.

Alla porta vera di Vertine  i blindati non passavano per larghezza e fu per merito di Mariano, che in qualche modo riusci a spiegare che tedeschi non c’erano e non era il caso di buttare giù la cinta muraria.

Il prete aveva fatto uscire tutti  dal  rifugio dietro la torre, mentre dalla collina di fronte  del Vallone (dove i tedeschi avevano  comando e  cannoni) osservavano attenti il formicaio di persone che si era formato.

Partirono  cannonate, una sulla torre, altre disperse nel vuoto, una cade  esattamente fra la torre e il rifugio in mezzo a varie persone.
La gioia della liberazione durò poco, urla e lacrime mentre i feriti furono portati nello stallone e curati alla meglio e i morti furono portati nella cappellina in fondo al paese…….

Nazareno Cristofani, Luisa Butti, Ruggero Brocci, Valerio Pagliantini e Pietro Gatti  morirono subito mentre sempre  per colpa di quella maledettissima cannonata anni dopo seguì Clara Nuti.

La Liberazione fu pagata caramente  quel 17 luglio 1944, un lutto piccolo nell’immane tragedia della seconda guerra mondiale, ma sei persone nel fiore degli anni non possono essere cancellate dai ricordi anche di chi non c’era…. ma ha il cuore e i giorni fra questi sassi.

Questa voce è stata pubblicata in La porta di Vertine, luoghi, persone. Contrassegna il permalink.

22 risposte a Vertine 17 luglio 1944

  1. Filippo Cintolesi ha detto:

    Ricordo doveroso. E sperabile che il comune si decida a rendere possibile questo ricordo anche a chi di passaggio, con una targa per esempio.

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Il comune sotto Vertine ancora non ho capito da che parte sta.
    Negli anni passati più che alla storia, al ricordo e al preservare ciò che c’è, mi pareva più dedito e sensibile al calcinaccio e a logiche edilizie che al territorio bene non hanno fatto.
    Comunque adesso questo discorso non c’entra, la targa ricordo per queste persone sarebbe cosa buona e giusta, ma non sarò e voglio essere io a chiederla.

    Mi piace

  3. Lorenzo ha detto:

    Non conoscevo la storia nei dettagli, mi ha fatto piacere scoprirla, una targa in ricordo è il minimo..

    Mi piace

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Una targa in ricordo sarebbe cosa giusta per mantenerne viva la storia e la memoria.
    E’ gente di Vertine che va ricordata, non solo nell’affetto dei propri cari, ma per gente che fa parte di una piccola comunità e per quelli che hanno ancora da venire.

    Mi piace

  5. artechianti ha detto:

    Il tuo scritto è vivo e “toccante” e dal mio punto di vista val più che una targa ….ma capisco il desiderio e lo condivido

    Mi piace

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    A pensare a queste cose del passato, che bene o male colpiscono e rimangono nella memoria della collettività pare tempo perso, tempo buttato dove non si guadagna niente e da quel punto di vista si ha pienamente ragione.
    Però arrendersi solo alla moneta si perde la memoria e le radici e almeno le mia, con un pò di ricordi belli o brutti che siano, non sono in vendita.

    Mi piace

  7. Pingback: Andrea Pagliantini » Blog Archive » Augusto

  8. Pingback: Andrea Pagliantini » Blog Archive » Diciottesimo leccio

  9. Pingback: Andrea Pagliantini » Blog Archive » Il sergente Summers

  10. Pingback: Il sergente Summers | Andrea Pagliantini

  11. Pingback: Micaela | Andrea Pagliantini

  12. Pingback: Vasco e Pietro Nuti, bambini del 17 luglio 1944 | Andrea Pagliantini

  13. Pingback: La colonna della libertà 2014 | Andrea Pagliantini

  14. Pingback: Vertine 25 aprile Festa della Liberazione | Andrea Pagliantini

  15. Pingback: La Finestra di Stefania » 25 aprile, Vertine e la Colonna della Libertà

  16. Pingback: La rondine di Fabio Zacchei da una poesia di Giovanni Pascoli | Andrea Pagliantini

  17. Pingback: Vertine, una vasca idromassaggio fra la torre e la chiesa, un articolo di Tomaso Montanari su La Repubblica | Andrea Pagliantini

  18. Pingback: Il compleanno di Vasco | Andrea Pagliantini

  19. Pingback: Vertine: la cappella della Madonna della Neve | Andrea Pagliantini

  20. Pingback: Il compleanno di Vasco | Andrea Pagliantini

  21. Pingback: Il restauro del Monumento ai Caduti di Vertine | Andrea Pagliantini

  22. Pingback: La Wehrmacht e l’Afrika Korps in vacanza nel Chianti | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...