Le etichette del Chianti Classico della Berardenga nel 1972

Dal magnifico Atlante del Chianti Classico edito nel 1972 da Sansoni e redatto da Enrico Bosi, le etichette dei produttoridel Chianti Classico della Berardenga, alcuni dei quali, ora come allora, andavano per la maggiore sulle tavole degli appassionati.
Alcune etichette sono scomparse, altre sono state rimaneggiate, altre, come San Felice e Felsina, sono felicemente identiche e basta un colpo d’occhio su un qualsiasi scaffale per sapere di cosa si tratta.
Una di queste etichette è prima scomparsa e poi risorta: Pagliarese, memorabile azienda a due passi da San Gusmè, retta dalla signora Alma Biasiotto Sanguineti, che è stata uno dei nomi e dei simboli più prestigiosi del panorama del Chianti Classico.
Le sue vigne, acquistate da Felsina, persero la specificità e il nome, che è stato rispolverato con il primo vino nel 2015, rassicurante emulazione di emozioni in bottiglia.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2019 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...