Calidonio, il cinghiale archeologo del Pian Tondo

Calidonio è il nome del cinghiale etrusco riprodotto nel vaso Francois di Chiusi, rinvenuto nel lontano 1844, e un suo emulo (in tanta carne più che ossa, a giudicare dall’enormità delle fatte che lascia sul terreno), si diletta in frenetici scavi superficiali, in un’area del territorio della Berardenga molto nota e importante, studiata dagli archeologi Matteo Cuccuini (Sapienza di Roma), Jacopo Tabolli (Università di Siena) Alvaro Tracchi, noto storico locale e narrata dal dottor Giovanni Righi Parenti: il Pian Tondo, poco sopra l’abitato di San Gusmè.
E nella parte alta del Pian Tondo, proprio un’istintiva raspata di Calidonio al terreno, riporta alla luce alcuni reperti di laterizio, la cui forma, materiale e tipo di cottura, non lasciano dubbio alcuno sulla importanza di questo sito etrusco.
La parte alta del Piano, suscettibile di pioggie e dilavamento, con le raspate di Calidonio, dimostra almeno una cosa: che non c’è bisogno di grandi scavatori meccanici per riportare alla luce un patrimonio di storia e conoscenza, che quella poca terra superficiale custodisce.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Cartoline dalla Berardenga, Etruscany, Federica, Fotografie 2021, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...