La coccinella nel gelo fra le viti

Con meno sette gradi, la Piccina trova ricovero dal gelo nella copertura di corteccia che hanno le viti di vari anni, sviluppata, anche per loro, per proteggersi dalle intemperie.
Vi passa le ore dall’ultima stilla di luce, fino al primo raggio di sole che scioglie la brina e produce un vago vapore e tepore.
Le ore successive sono fra una piega e l’altra della corteccia, ferma, immobile, ti guarda negli occhi fissamente e comprende che non riceverà fastidio dai tagli e dagli urti dei sarmenti tirati dai fili, per il semplice fatto che lei, la coccinella piccina, riconosce al battito ogni minimo gesto condito d’amore.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...