Pasqualino e l’uva sette bellezze

C’è una sedia in ogni vigna, quando non una vera e propria poltrona messa per riprendere fiato dopo la pulitura di un filare andando in basso e di un altro tornando in alto.

Le scarpe non hanno cingoli e marce ridotte, non bruciano gasolio, ma energie del corpo e il riposo dopo un paio di filari si fa tenendo  le forbici in mano e guardando quella meraviglia di uva e di verde che sono le vigne vertinesi di Pasqualino.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2018, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...