La leggiadra porchetta e i salumi della Macelleria Pini di Castelnuovo Berardenga

Il giovedi è una giornata speciale, perchè alle prelibatezze da affettatrice, piastra, tegame o brace che il Pini tiene nel bancone, si aggiunge quel cilindro culturale pieno di ramerino, aglio, sale, pepe e forse qualche fogliolina di alloro, che dopo qualche lenta ora di forno, piglia il nome di porchetta.
Dalla Corte Costituzionale, fino all’ultimo opinionista da panchina o colonnino di chiesa, si accende un barlume di speranza, un argomento condiviso, un cartoccio per riempire un panino, un rilassante per la fatica del lavoro dei campi e per le masse che attendono con ansia che il giovedi si apra la saracinesca e il coltello scolpisca la scultura.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, degustazioni, Federica, Fotografie 2018, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...