Il riposo del daino all’ombra di ulivi protetti da recinzione

Dopo un pasto abbondante di germogli di vite e foglie di ulivo, un piccolo daino si stende all’ombra di un ulivo per una tranquilla quiete digestiva.
Sia la vigna che l’uliveta sono recintate e protette da una rete alta due metri, a maglie larghe, robuste e la rete è interrata per circa trenta centimetri nel tentativo di impedire lo scavo e l’accesso alle coltivazioni da parte dei cinghiali.
Il risultato di come i cervidi affrontano il problema in queste foto è ben evidente: un salto ed entrano beatamente a danneggiare e rendere improduttive le piante di vite e di olivo.
L’incontrollata e alimentata presenza a pane e granturco di questi animali, oltre ad essere un grave danno economico per le aziende rappresenta anche una bruttura sempre più fitta e spessa che danneggia la fruizione della bellezza e del paesaggio da parte dei residenti e dei tanti turisti vengono a visitare il Chianti.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...