Il Chianti Classico inteso come patrimonio Unesco

biliardo

E’ partito il percorso per candidare il territorio di produzione del Vino Chianti Classico, nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco.
Tale richiesta, come ovvio, è avallata dal Consorzio del Chianti Classico, dai comuni in cui in parte o interamente, si produce questo vino (omettendo Poggibonsi) dalla Regione Toscana, con il buon Eugenio Giani, che, per l’occasione, non vede l’ora di appiattire differenze storiche, naturali e paesaggistiche, pur di incentivare l’incursione di Toscana fashion nel mondo.

Come se gli ultimi trent’anni fossero passati invano e non fossero un motivo di riflessione tra il paesaggio, il consumo di suolo, la cura delle vigne, la loro durata, l’architettura di edifici (in molti casi mai più rivedibili e mutati profondamente dall’uso e dal motivo per cui erano stati edificati) un patrimonio storico modificato ampiamente, avendo spesso, scarsa sensibilità.

A proposito dei due Chianti, ovvero quello vero e quello inventato, vengono in mente le recenti parole di Roberto Barzanti (ex sindaco di Siena, ex parlamentare europeo, ex assessore regionale e attualmente presidente dell’Accademia degli Intronati): “Se tutto è Unesco, niente è Unesco” e, continua Barzanti: ” A un territorio così mal concepito dal punto di vista storico e geografico viene d’impatto da aggiungere un’altra considerazione, se tutto è Chianti, niente è Chianti”.

Un territorio disomogeneo che parte da Ponte a Bozzone e finisce quasi alle porte di Firenze, a Strada (non nel Chianti) dove dentro ci sono i luoghi dell’abbandono delle campagne dalla mezzadria (Radda, Gaiole Castellina) verso quei luoghi che venivano definiti come forestieri (Barberino, Tavarnelle ecc.) da Gino Tatini, (sindaco di Castellina nel 1963) che davanti alle telecamere della RAI, snoccialava i tristi numeri di quanti se ne erano andati dal paese.
Luoghi di castelli, vigne, boschi, più o meno immutati, (anche se patinati dagli anni ’80) il Chianti, luoghi mescolati ai capannoni del boom economico, che hanno cambiato di netto la fisionomia della Val d’Elsa e della Val di Pesa dal punto di vista abitativo e dal punto di vista demografico.
La commissione dell’Unesco, per valutare i territori, di fronte alla zona industriale di Tavarnelle, Sambuca, Barberino, Poggibonsi, troverà di fronte a sé una lunga linea di tessuto verde a parare i capanni prefabbricati realizzati nel corso degli anni.
Un territorio disomogeneo anche dal punto di vista sociale e di collegamenti, oltre che storico e paesaggistico: la Berardenga è Siena persino nella parlata, la Val d’Elsa, guarda a Poggibonsi, la Val di Pesa guarda a Firenze, mentre il Chianti guarda in parte al Valdarno (Radda e Gaiole), mentre Castellina è sospesa fra Siena e Poggibonsi.
A parte gli interessi legati al vino c’è poco altro che lega questi luoghi e le persone ci vivono.

Fonte: Il Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in andrà tutto bene, Berardenga, Chianti Storico, Etruscany, Federica, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il Chianti Classico inteso come patrimonio Unesco

  1. stefano ha detto:

    Ma come mai il marketing prende sempre il sopravvento sulla storia? Si mettono insieme identità diverse e lontane fra loro per il solito scopo commerciale per mere ricadute economiche momentanee.

    "Mi piace"

  2. Laura ha detto:

    Ancora v’accalorate per queste cose? Il Chianti non esiste,mettetevelo nel capo, è tempo perso, è quasi tutta la oscana a esser diventata Chianti.

    "Mi piace"

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    E’ tempo perso, e non da ora, al momento siamo quasi ai titoli di coda di una storia non a lieto fine, che per opportunismo e indolenza ha preso per vie traverse.
    Ha vinto il marketing e la sua necessità di inventare, divorare e poi reinventare succosità da spalmare su stampa e pagine web, per rendere appetibile un territorio che non ha più il fascino di quando si era più semplici e umili.
    Storia, paesaggio, storie minimali di persone e di luoghi sono finite sotto la cipria dei Wanda Osiris della Regione, sempre pronti a pontificare gloria, vanto arte e antanate varie su questa Regione, che loro malgrado, ha nei secoli dei secoli prodotto cultura ed eccellenze.
    Comprendo l’iniziativa del Consorzio del Chianti Classico, assunto ormai a organo del bene comune.

    "Mi piace"

  4. ledo ha detto:

    Mettiti l’animo in pace che a questo giro ha vinto il Bezzini 🙂

    "Mi piace"

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    Il Bezzini è una corazzata imbattibile.

    "Mi piace"

  6. Filippo Cintolesi ha detto:

    “Il Chianti non esiste”.. “mettetevi l’animo in pace”…”è tempo perso”.. Questo è tutto quello che può restare da dire sulla questione. Può anche darsi che abbiano vinto “loro” (virgolette con un senso ovviamente diverso dalle precedenti). Ma come diceva qualcuno nell’estate di ottantuno anni fa: noi non ci arrenderemo mai. Mettetevelo anche voi l’animo in pace: non smetteremo mai di proclamare la semplicissima verità.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...