Porcini e giallarelle da Vertine

Piove, e quando non piove pioviscola, il che rende le giornate monotone e uggiose, ma in campagna difficile annoiarsi avendo un po’ di inventiva e di padronanza del territorio con le sue bellezze, con le sue virtù, con i punti strategici da gironzolare in cui ci può stare di poter sbarbare un fungo.
Così è: porcini e giallarelle per frittura e per un magistrale sugo per la pasta.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...