Vertine che nasce dalla bruma

vertine nasce dalla nebbia

Da una conchiglia di  nebbia, illuminata da un rarissimo raggio di sole, prende vita e forma la sagoma familiare di tanti sassi appoggiati gli uni sugli altri, dando forma di scheletro e osso a un castello rampicato sui poggi.
Alcunchè di Venere bionda o di Monna appollaiata sui davanzali, niente lenzuoli ad asciugare, viti gnude, poche ulive sulle piante, eppure Vertine c’è, rinfrancato nel suo essere dallo spirito comunitario e combattente, forgiato da assedi nel corso dei secoli, siano di aragonesi, spagnoli, papisti.
La nebbia che si dirada, non riesce a rapire la fragranza di rondine, del sangiovese nei tini e la fame felina dei gatti del Pipa.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...