Il canestrato del caseificio La Fonte di Torre a Castello

Dice la signora che le forme di canestrato da 12/13 kg le danno molto fastidio quando deve rigirarle per la stagionatura e preferisce quelle che pesano sui 5/6 chili perchè oltre a pesare meno, non si portano via una grande quantità di latte che potrebbe essere destinata ad altri formaggi.

Il cansestrato viene prodotto solo nel momento di massima produzione del latte, ovvero fra dicembre e maggio, poi quando l’erba diminuisce e il calore si fa importante, le pecore si rilassano diminuendo necessità e fatiche.

Come dice sempre la signora, il pecorino quando è fresco è dolce, mentre la stagionatura lo porta ad essere piccante, come molti lo preferiscono.
Il canestrato che in questo momento si trova al caseificio La Fonte, è una via di mezzo, ha la  necessità di almeno un mese di affinamento per essere perfetto, ma la pasta è granosa e saporita, un filo d’olio e diverse fette di pane, con un bicchiere di rosso sono sempre la recenzione e la soluzione migliore.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, cose buone dal mondo, degustazioni, Fotografie 2018, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...