La delicatezza dei funghi gentili

Bisogna conoscere gli angoli dove bussa il primo sole la mattina e la nicchia dove rimane umido il terreno per poter avere il privilegio di sbarbare dal suolo i preziosi funghi gentili, bianche cappelle che negli anni normali risaltano nel verde dei prati o si confondono con i sassi di alberese nei tratti di bosco o di sodo.
La raffinatezza del sapore di questo fungo non ha eguali fra i frutti autunnali del bosco: con l’olio e l’aglio in un padellino, fritto, con una punta di pomodoro per il condimento della pasta, c’è anche chi lo mangia crudo con un filo di pepe e olio.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...