Il panello con l’uva della Rina

Un soffritto di olio, noci e ramerino, poi lasciar freddare e dedicarsi sull’impasto di un mezzo chilo di farina, un poca di acqua, del lievito di birra precedentemente ravvivato in un pochina di acqua calda, un paio di cucchiai di zucchero.
L’impasto in una ciotola starà al coperto da un panno umido per qualche ora, lievitando, poi dentro il soffritto, mescolando.

Pasta nella teglia del forno, l’uva schiccolata e messa fitta, fitta, una mezz’ora di attesa, rilievita, in forno ben caldo per una mezz’ora.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, cose buone dal mondo, Cucina agricola, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...