Il daino divorato

Di un baldanzoso Bambi del Chianti di belle dimensioni, c’è rimasto ben poco: il palco delle corna, un cosciotto ben ripulito, un po’ di pelle e poco altro.

Altro segnale, dopo il cinghiale di qualche mese fa, che in tutto questo marasma di animali mal gestiti e spesso e volentieri alimentati, (come si trattasse di un allevamento intensivo), si è insinuato qualche predatore con la forza e la capacità di aver ragione di capi di notevoli volumi e usarli come spuntino notturno.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Chianti Storico, Etruscany, fare vino, Fotografie 2017, italians, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...