Le popo’ dell’Oliveta di Vertine

E’ un dettaglio che in un’oliveta di oltre 450 piante si riescano a raccogliere poche decine di chili di olive, nel Chianti, da qualche anno si è abituati a mettere le fatiche al servizio dei pranzi di cinghiali e cervidi come in questo caso.
Semmai è singolare l’assetto morfologico del terreno che si è venuto a creare fra tanta erbetta fresca rinata per il clima umido e la temperatura mite.

Meglio se con gli stivali di gomma perchè è assai difficile scansare i lasciti che la mole di animali passano o soggiornano la notte fra queste piante lasciano sul terreno, contributo alla concimazione dopo aver divorato miliardi di foglie, spogliato gli ulivi dalla possibilità di produrre e di avere uno sviluppo lineare.

Dedicato a Simone Bezzini, ex presidente della Provincia di Siena e da qualche tempo sugli scranni del Consiglio Regionale e all’onorevole Susanna Cenni che non lesina ai quotidiani la bontà delle produzioni agricole senesi e toscane.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2016, italians, La porta di Vertine, Porcate, susanna cenni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le popo’ dell’Oliveta di Vertine

  1. Alessandra ha detto:

    Come si suol dire, un bel campo di………:-)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...