I cinghiali bevono migliaia di bottiglie di Chianti Classico

cinghiale del chianti cinghiale del chianti (2)

La vendemmia è la fase culminante dei lavori di un anno nella quale le aziende ripongono speranze e propositi di portare in cantina l’uva della qualità migliore per produrre vini da proporre al miglior prezzo.

Ma endemicamente, ogni anno la vendemmia nel Chianti è compromessa dalla voracità degli ungulati e dall’incoscienza di chi questi animali li alleva nei boschi foraggiandoli di pane e granturco al solo scopo di aumentarne il numero per la propria attività di caccia.

I conti di questi giorni sono terrificanti: migliaia i quintali di uva distrutti e mangiati dagli animali, nonostante le vigne siano tutte avvolte da reti e recinzioni sempre più spesse e potenti, ma che spesso vengono manomesse, travolte, danneggiate per favorire i pasti dei cinghiali.

La situazione è drammatica dal punto di vista occupazionale perchè le aziende si vedono costrette a ridimensionare l’organico e a ridurre le ore di lavoro per la raccolta dell’uva, con il risultato di mandare a casa i propri dipendenti.

Con il danno che molte bottiglie di Chianti Classico non potranno essere prodotte e commercializzate perchè quell’uva se la sono già bevuta i cinghiali nel silenzio generale di Regione e Consorzio del Vino Chianti Classico (che attualmente ha più a cuore tematiche che toccano più il lato amministrativo del territorio in cui si produce il vino che farsi portavoce dei problemi delle aziende danneggiate).

Fonte: Il Cittadino

Fonte: Il Gazzettino del Chianti

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, fare vino, Fotografie 2016, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a I cinghiali bevono migliaia di bottiglie di Chianti Classico

  1. Laura ha detto:

    Battaglia persa: i cinghialai più ottusi continuano a fare sempre come gli pare e non importa loro niente se le aziende agrarie non ce la fanno più….. spalleggiati dalla politica.

    Mi piace

  2. Pingback: Il primo cinghiale avvistato dai bambini del Chianti | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...