San Gusmè, paese del riuso

Il profumo delle bucce di mandarino nel fuoco del camino, le prime festività in cui Vezio non si è occupato degli addobbi della Chiesa della Compagnia, mentre una comunità che è ridotta, ma è vispa e vitale, si adopera per rendere il paese lieto per chi arriva e per se stessa, ridando vita a materiali di uso comune o di scarto, per colorare di gioia e di speranza questa voragine di tempi scuri.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2021, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...