La lavorazione del travertino in mostra alla Grancia delle Serre

Storia di un territorio, di una pietra, della sua estrazione e lavorazione e delle lotte che hanno portato a condizioni di vita più accettabili, quanti, negli anni, hanno lavorato il travertino.
La pietra bianca che ha contribuito a erigere il Duomo di Pienza, la Basilica di Provenzano a Siena, il tempio di San Biagio a Montepulciano.
Eppure, anche ai giorni nostri, persone danno la vita sul lavoro per l’estrazione di queste pietra.
La mostra sull’estrazione del travertino è stata allestita preso la monumentale Grancia di Serre di Rapolano ed è visitabile fino al 30 ottobre prossimo.
Commovente insieme di immagini d’epoca, persone lontane, lineamenti corrosi dal sole, dalla polvere della pietra, dalla fatica, dalle lotte sindacali per riuscire a spuntare paghe dignitose, in sanità e sicurezza.
Gli oggetti usati per lavorare e scolpire la pietra, le interviste a quanti, nei primi anni ’50 hanno frequentato le scuole di avviamento per imparare la lavorazione del travertino.
Volti aperti, sereni, con una proprietà di linguaggio e sapiente uso della parola, che allo stato attuale non si riscontra neanche ai livelli più altri di istruzione.
Queste persone forgiate dal lavoro, dalle esperienze, dagli affetti e dagli studi, parlano, altri sono imbevuti di comunicazione, malattia endemica dei nostri tempi.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2021, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...