Giovanni del forno

pane-con-lolio

Si era più o meno in tempo di vendemmia e di fronte al classico mezzo chilo si parlava di quanto ti sarebbe piaciuto ritrovare quel trebbiano di ciocca lunga e rosa che apprezzavi così tanto e ti ricordava anni passati e quanto ti sarebbe piaciuto riprodurlo per talea.
Passò qualche tempo, arrivò l’inverno, era il  periodo della potatura e quando con Gianluca si arrivò al forno con quei tralci di trebbiano antico, non ti pareva vero che dopo quella bella chiacchierata, rimanesse impresso di procurare il materiale per fare delle viti nuove.
Con il profumo del pane e il pampane di trebbiano, un caro saluto, lavoratore indomito.

Questa voce è stata pubblicata in Federica, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...