La nipote nata dalla ghianda della Quercia delle Checche

Da un rovere enorme denominato quercia di una veneranda età tale che è uno fra i monumenti verdi più conosciuti e visitati, piovono ghiande.
Alcune finiscono nell’apparato digerente di colombi e ghiandaie fra i volatili, altre in ebeti cinghiali fra i quadrupedi, altre, benedette dal cadere, dalla guazza e dall’inappetenza di cui prima, germogliano, si aprono uno spazio nella vita e nel mondo, dando vita a tutta una serie di querciole più o meno grandi, all’ombra, o subito accanto ai grandi bracci o ai grandi rami, di questa pianta di oltre trecento anni di vita, con alcuni traumi e fulmini.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2020 e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...