Chianti in autunno

Un pungolo non deludere chi attende l’autunno per fasciarsi di comode coperte e pensieri di strane tisane a bollore, mentre il resto del mondo si rinvigorisce di bevande arancioni e di fegati da gran premio della montagna.
Se piove, si stritolano effervescenze e parole, con sole si alzano nebbie, il bosco si riempie di profumi, camminarci dona pace e benessere, in fondo qualche castagna, più avanti un po’ di funghi, nell’intimo le spine dei ricci che proteggono la rondine più bella.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2020, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...