Pastorino Pastorini, pittore del vetro del Rinascimento

Nasce a Castelnuovo Berardenga nel 1508, da genitori di origini pontremolesi e  in giovane età mostra una capacità espressiva, tanto che si trasferisce presto a Arezzo per apprendere pittura e l’arte del vetro da Guillome de Marcillat.
Rientrato a Siena, diede prova di grande abilità nel cantiere del Duomo, sotto Baldassarre Peruzzi, grande architetto e pittore.
Lavorò presso l’Abbazia di Monte Oliveto e ancora nel cantiere del Duomo di Siena, prima di trasferirsi nella Roma di Pio III, dove mette in mostra la grande capacità di medagliere.

Lavorò nella sala regia del Vaticano e in vari restauri, per poi rientrare a Siena e vendere, nel 1548, tutti i possedimenti a Castelnuovo Berardenga e stabilirsi in Salicotto.
In un’epoca in cui gli appalti andavano portati a buon fine nei tempi e nei risultati dovuti, per non essere riuscito a completare gli affreschi della Loggia di Mercanzia, finì in carcere.
Lavorò alla Certosa di Pontignano, lasciò Siena e si trasferì in Emilia, Parma e poi Reggio, dove si distinse per la notevole capacità di coniare medaglie.
Si trasferì a Firenze e produsse una vetrata per Palazzo Vecchio, dove morì, nel dicembre 1592, sepolto in Santa Maria Maggiore.
Castelnuovo Berardenga, dedica al suo illustre concittadino una stretta via nel centro storico, via spesso coperta dalle auto in sosta.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2019 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...