Il nebbiolo di Vertine

Una foschia teneramente sospinta, si alza da sotto al castello di Meleto, sorvola una ex vigna, ora campo incolto e abbraccia, ammollando, gli esterni, edifici, lampioni, giostre, lecci e ulivi che scintillando al sole, sembra piangano lacrime fini dalle foglie, come se pensassero alla bellezza di una rondine.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...