Vertine: il Chianti Gourmet Festival

Il via ufficiale al villaggio gastronomico di Vertine, è stato dato dal taglio del nastro effettuato in sincronia fra il sindaco Michele Pescini e il cuoco di Spaltenna Vincenzo Guarino, con le forbici porte dalla dolcissima Sofia.
Fino a quel momento il folto pubblico si affacciava dal parco dei lecci verso l’oliveta e non capiva perchè il fuoco era spento, la brace non palpitava, le salsicce non entravano sulla griglia, non c’era la panzanella nelle ciotole e il fagiolo coco nano del Prato Magno non fosse stato lessato.
Ciak, azione, buona la prima direbbe un qualsiasi regista affermato di fronte alla scena iniziale di un film ben realizzata.
La prima edizione di “Chianti Gourmet Festival” realizzata con l’ausilio di cuochi stellati provenienti da ogni dove, ristoratori locali e viticoltori, in una delle perle di pietre gonfie di millenni al sole e alle intemperie, smuove dal torpore campagnolo questo primo barlume a sprazzi d’estate, con qualcosa di diverso e di classe dalle solite sagre paesane a base di locio o porchetta, ballo liscio e fisarmonica, affollatissime di gente.
Lorenzo che per quattro giorni, dalle ore più impervie del mattino macinava chilometri prendendo misure, guardando scorci, giochi di luci, particolari, e sfumature: il lavoro oscuro, ma prezioso da maratoneta di chi tira le fila da dietro il palco affinchè tutto vada a meraviglia.
Prima edizione, o numero zero di una manifestazione che ha raccolto un bel pubblico e che ha reso Vertine psichedelica di effetti luminari e che, per il prossimo anno si annuncia come un appuntamento da segnare fin d’ora. Fonte: Il Cittadino.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Federica, Fotografie 2018, La porta di Vertine, La Porta di....., persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Vertine: il Chianti Gourmet Festival

  1. Lallo ha detto:

    Se ti mettevi a cuocere le salsicce nell’oliveta, un po’ di panzanella e fagioli del Prato Magno, ieri spopolavi…

    Mi piace

  2. marta ha detto:

    Però è stato un esperimento coraggioso, che prova ad alzare il livello delle solite iniziative.

    Mi piace

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non ho passione per il mondo dei cuochi stellati e tutto quanto vi ruota intorno, ma questo è un parere opinabile e soggettivo.
    Quando si ha il coraggio di allestire una manifestazione come questa, cercando di mettere insieme il meglio del vino e della cucina locale e di ovunque, tanto di cappello e avanti per a manifestazione del prossimo anno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...