La poesia turchese della Val d’Orcia

Ora che il cielo veste improvviso di turchese con le sue luci intervallate di nuvole quel grano verde che sarà improvvisamente biondo nel pieno della sua matura bellezza dell’estate, quel cipresso solitario che sfida a impari duello la mole dell’Amiata, ha nei suoi lineamenti profondi, la tenacia di chi si piega al vento, ma non demorde e di chi accarezza teneramente le radici profonde da cui viene la nascita, il seme della vita.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2018, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...