Il favino da sovescio

Come è noto, le fave, hanno la virtù di fissare nelle radici l’azoto atmosferico in quantità che varia fra i cento e i duecento chili per ettaro.
Questa efficace concimazione azotata viene pressochè gratutita mietendo costi di trasporto, manodopera, elimazione dei sacchi del concime organico o meno.
Si preferiscono leguminose di semina autunnale come il favino appunto, ma non sono da disdegnare nell’arricchimento del terreno anche il trifoglio e la veccia, oltre al lupino che però non va bene nei terreni ricchi di calcare, il che esclude il Chianti.
Il miglior momento per il sovescio o la sfalciatura è nel momento in cui la pianta è in fiore e il frutto non assorbe le energie rilasciate nel terreno.

E’ consigliabile l’uso del favino anche per l’arricchimento di terreni nei quali si vogliono impiantare o reimpiantare vigneti al posto della letamatura che comporta mezzi, tempo, trasporti ecc.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Fotografie 2018, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...