I bruchi del cavolfiore e del cavolo nero

Uno sbarco improvviso e in grande stie sui cavoli dell’orto da parte di bellissimi bruchi in tutto uguali a quelli dell’omonima Contrada del Palio di Siena, con la differenza che questi, se lasciati indisturbati di soddisfare il proprio appetito, in poche giorni, se non in poche ore, sono capaci di disintegrare una quantità industriali di cavoli.
Questi animaletti sono stati fatti desistere dall’intento con paziente opera di scesa dalle foglie con legnetto. Ovvio che su una coltivazione intensiva, nel migliore dei casi una leggera dose di piretro toglieil problema, in caso contrario son cavoli amari.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I bruchi del cavolfiore e del cavolo nero

  1. sergio ha detto:

    Ho una settantina di cavol icon lo stesso problema…. che devo fare?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...