La rabbia dei piccoli viticoltori, un pensiero di Paolo Cianferoni

il-vino-c3a8-la-poesia-della-terra-botte-di-pontignano

E’ una rabbia che cresce,come la lava di un vulcano prima di scoppiare e chissà che non scoppi davvero, è come se un disegno, una certosina strategia, sia in atto per l’eliminazione dei piccoli vignaioli (48.000!).
Un insieme di burocrazie che in contemporanea sta esasperando i piccoli produttori che si sentono abbandonati, che non si sentono ascoltati e tanto meno rappresentati perché davvero il malessere non è appieno compreso  da chi lavora in poltrona, da chi decide magari sotto pressioni di lobby, o accecato da visioni parziali.

E’ molto interessante questa mobilitazione senza guide politiche, redigere una lettera indirizzata firmata da 200 vignaioli al Ministro Martina non è cosa da poco, se si contano anche le continue adesioni, centinaia, che ogni giorno arrivano, addirittura dall’estero.

Segnalo anche un post su Slow Wine, dove alcuni interventi sono rabbiosi e Slow Food ha avuto il coraggio di non censurare.

Segnalo infine una petizione per chi crede che possa aiutare, e una mail list dei contadini che spontaneamente hanno redatto la lettera.
Fonte: Paolo Cianferoni

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...