Ricci e castagne commosse

Pochi gli esemplari di marrone o di castagna che si salvano dai banchetti dei famelici e abbondanti cinghiali che affollano i boschi del Chianti.
Fra queste poche superstiti l’umido notturno posa il suo sguardo e la mattina lacrime compite e composte rigano i volti che si schiudono dai ricci e poi, dentro una pentola che bolle, con un rametto di finocchio selvatico, finiscono per essere succiole.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...