Rolando Bernacchini, direttore di Rocca di Castagnoli: continuano i danneggiamenti ai nostri vigneti

cinghiali e uva (2) cinghiali e uva

L’ossessiva pratica dell’allevamento del cinghiale non conosce soste e carrelli pieni di pane o di granturco vengono costantemente rovesciati nei boschi nonostante la legge vieti la pratica del foraggiamento, nonostante questa pratica ha fatto strabordare il numero di animali ad una densità insostenibile per il corretto equilibrio naturale, senza parlare dei milioni di euro di danni che ne ha l’agricoltura, gli incidenti stradali causati da ungulati e un paesaggio oscenamente blindato da reti sempre più alte e fitte.

L’annata vinicola è appena iniziata e già Rolando Bernacchini, direttore di Rocca di Castagnoli si trova a fare i conti dei danni che sta subendo l’azienda che amministra.
Ci sono le fresche e tenere gemme delle viti mangiate dai daini che rendono improduttiva la vita per la campagna in corso, ci sono i foraggiamenti effettuati a base di pane e mais per ingrassare i cinghiali e ci sono dei veri e propri atti vandalici compiuti ai danni dell’azienda, come quello di lasciare aperti i varchi di accesso nei vigneti recintati per farvi entrare gli animali a proprio piacimento.

Il lunedi mattina, quando gli operai arrivano trovano sempre i cancelli aperti e tante sono le gemme che non potranno più produrre uva.

Questa voce è stata pubblicata in Etruscany, fare vino, Porcate, svinato e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...