Abbazia di San Galgano

Un oggetto di architettura gotica nella Val di Merse con il tetto per cielo e un pavimento di erba o di mota a seconda delle stagioni e un accesso all’abbazia non consono con barriere metalliche burocratiche, messe nel mezzo alla strada che, il comune di Chiusdino, nella persona del sindaco Bartaletti ha promesso di togliere quanto prima.
I tempi della politica non coincidono con i tempi di un apino comunale che carica tutto e porta via in cambio di un paio di pistoni telecomandati per l’accesso ai mezzi di soccorso o di pubblico servizio.

Nel 1503 uno scellerato abate comandante dell’Abbazia fece smontare le piombature del tetto per poi rivendere il minerale decretando così lo stato di decadenza dell’edificio e la sua fortuna per come lo stesso si presenta allo stato attuale.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2016 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...