I giaggioli e i carciofi di Chiusure

Nel resto del mondo si aspetta il pulman al coperto di una pensilina trasparente, mentre a Chiusure c’è la comodità di poter aspettare seduti su seggioline di formica verde come nelle cucine degli anni ’60 e ’70.

Da qui si domina l’imponente abbazia di Monte Oliveto Maggiore e sempre qui la piccola bottega di generi alimentari aggrega le persone del luogo per un caffè, una caramella d’orzo, una fetta di rigatino, una lametta da barba, l’ammorbidente per i panni.

Il pane si accompagna con due fette di salame o di prosciutto che si mangiano mentre si gira il paese tutto di un fiato, inerpicandosi di salite e di fiori, di case di mattoni e di gatti grassi in cerca d’ombra che si muovono solo per ricevere una carezza.

E da oggi fino al 25 aprile Chiusure ospita la famosa festa del carciofo con mercatini, danze, iniziative e fritture.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2016 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I giaggioli e i carciofi di Chiusure

  1. Pingback: Il nonno in fuga che ama i treni | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...