Il comune unico del Chianti

vendemmia-2014-a-vertine-nel-chianti-23 eroica-2015-112

Siamo arrivati al punto in cui se una proposta di legge nazionale venisse approvata, l’accorpamento dei piccoli comuni sotto i 5.000 abitanti diverrebbe applicativo.
La possibilità che i tre comuni del Chianti si possano unire in uno solo stavolta è molto vicina e il dibattito su questa tematica è molto vivo, nonostante vi siano legittime posizioni diverse e divergenti.

Si tratta in definitiva di concedere a chi del territorio e del nome Chianti è il vero possessore, ovvero i suoi abitanti, di decidere il futuro di un’aggregazione che permette di fare luce e chiarezza sul fatto che il termine Chianti si possa riferire ad un territorio ben chiaro e netto che ha radici storiche certe e condivise.
Un errore è pensare che il nome Chianti sia solo l’intestazione di un’unità consortile dalla quale ricalcare i confini, peraltro non netti, ma trancianti, che lasciano fuori porzioni di territori comunali che non ricadono sotto i canonici ambiti di produzione del vino Chianti Classico. E non è pensabile che Chianti sia un’ entità territoriale riferita ad ogni angolo di Toscana nella quale si produce vino. Questo genera una solenne confusione.
I pro e i contro a questa aggregazione di comuni si confrontano spesso mettendo in luce ingenue miopie e scarsità di vedute.

I personalismi, le prime donne che sbeffeggiano chi si trova fuori dai confini territoriali di chi si vuole unire, le argomentazioni che prospettano di vedere l’argomento al chiuso delle stanze ufficiali o quel poco di sedi di partito rimaste, dentro alle quali si dovrebbero porre ed elaborare idee e non postazioni di controllo della mescolanza di generi, suonano come temporali estivi.

Agli amministratori il compito di verificare e fare in modo che la macchina dei servizi non si inceppi che sia unione o meno, con un governo centrale che non è un mistero per nessuno, tende a demolire ogni parvenza di pubblico (quindi di nostro) che si riversa nella vita quotidiana delle persone. Agli abitanti del Chianti, veri depositari e custodi del nome della terra li ospita, la possibilità di esprimersi se ha senso rimettere insieme i cocci di un nome territoriale divaricato a sproposito di usi commerciali o comunicativi.

Fonti: InChiantisette, Il Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, persone e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il comune unico del Chianti

  1. Ric ha detto:

    Un bell’articolo schietto che va al sodo senza tanti giri di parole. L’equivoco e’ sempre quello di scambiare vino con territorio, interessi consorziali e volere popolare……

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...