L’appassimento della malvasia da vinsanto

Era la fine di settembre quando la malvasia veniva staccata dalla vite e adagiata in cassette o appesa per essere appassita.
Eccola ora la malvasia, con le rughe si confanno al tempo trascorso in una stanza areata che le fanno perdere peso e concentrare gli zuccheri.
L’appassimento abbatterà drasticamente il volume e il peso che sarà meno della metà del quantitativo iniziale, la pressatura consentirà di separare il poco liquido rimasto dalle bucce, la decantazione del mosto per una notte prima di essere messo nei caratelli, diminuirà ancora il volume di questo liquido tanto prezioso da essere afferto alle persone in visita nelle famiglie, o nel calice della messa dei preti, che da sempre di cose buone ne capiscono.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...