Il treno che corre sui binari di grano

Se non fossimo stati schiavi degli Agnelli torinesi e le decisioni fossero state prese con la testa e non con le mele, la rete ferroviaria permetterebbe di percorrere in lungo e in largo la penisola senza file ai caselli, senza dipendere dal petrolio bruciato, senza dover stare ore girando intorno a una rotonda.
E ci sono linee secondarie che collegano la campagna al capoluogo che sono autentici affreschi di quanto sia bella la campagna toscana al netto degli antani.
Sedersi, andare a lavorare o studiare, scivolando su due binari di grano che è pane e autentica bellezza.

Questa voce è stata pubblicata in Cinema, Federica, Fotografie 2015 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...