Anteprima Vernaccia di San Gimignano 2015

E’ sublime San Gimignano quando non c’è nessuno, c’è Gabriello Mancini  che passeggia rasente i muri e non vi è traccia del bazar di alimenti al sole o di Pinocchi di legno di ogni dimensione e di Budda di marmo o magliette con l’effige di don Vito Corleone con su scritto “Italian Style”. Cose di cui parlava anche Laura Valdesi de La Nazione, solo qualche giorno indietro.
La Vernaccia, come la gran parte delle denominazioni vinarie toscane è un mondo strano al cui interno si trovano perle rare e vini da lancio con la fionda.
Il Carato 2009 di Montenidoli è una goduria di mandarino e miele per il palato, il vertice, se non l’emblema di un territorio in cui la realtà è più forte dei miraggi.
La Lastra, La Castellaccia, Il Colombaio di Santa Chiara, Fontaleoni, Signano, altre belle realtà.
Per i punteggi e i giudizi sui vini in degustazione ci sono le annusate e i sorsi di Andrea Gori su Intravino.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, degustazioni, Federica, Fotografie 2015 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...