Le Pergole Torte di Montevertine

Sergio Manetti:  “Cosa ne pansi dei vitigni alternativi?”
Giulio Gambelli: “Sono assolutamente contrario, abbiamo un Sangiovese che è tra i migliori vitigni del mondo, perchè dobbiamo contaminarlo con altri vitigni, ugualmente importanti, ma non sempre? Otterremo risultati modesti, anche se molte volte gonfiati ad arte.

Certo, il Sangiovese è un vitigno difficile. Non tutte le annate sono buone, e tutti vogliono giustamente recuperare le spese, ma bisogna fare come le formiche: vendere bene nelle annate buone e risparmiare in quelle cattive”.

E ancora Giulio Gambelli: “I vini di fermentazione hanno bisogno di ossigeno e se la voltatile si alza un po’ non fa niente.

Oggi i tecnici ne hanno paura e fanno i vini con uno 0.30 di volatile. Con uno 0.6 si possono fare grandi vini e te lo sai bene”.

Da “Chianti amore mio” di Aldo Santini
Franco Muzio Editore 1995

In ricordo di tre grandi persone: Sergio Manetti, Giulio Gambelli, Bruno Bini.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, fare vino, Federica, Fotografie 2015, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Le Pergole Torte di Montevertine

  1. Francesco Sarri ha detto:

    Parole semplici e giuste … Come solo i saggi …

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...