Il sabato del villaggio

E’ tutto uno sbocciare di fiori e di bulbi che accendono e colorano questo inizio di primavera battuto dal vento, qualche gocciola d’acqua che rimette in cerca i maglioni più pesi e la voglia di fuoco con qualcosa sopra che gira.
Un’alternanza perfetta di salsiccia, lombo, fegatello, foglia di alloro, pezzi di pane a fermare ai lati dello spiedo che lentamente gira accudito da un tralcio di ramerino intinto nell’olio.
Vino buono, lentezza e bella camminata nel tramonto che si accende.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, cose buone dal mondo, Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Il sabato del villaggio

  1. vino ha detto:

    Sicuramente meglio lo spiedo della poesia di Leopardi🙂

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Leopardi però diversamente dal Carducci non era un’antanista e il Sabato del villaggio rende davvero giustizia a quel giorno che precede la festa.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...