Sangiovese che matura

Annata controversa sotto tanti punti di vista, e anche per le viti e le vigne non potrebbe essere altrimenti visto l’autunno prolungato fino alla metà di giugno fatto di pioggia, problemi di fioritura e alleghimento, malattie funginee a bizzeffe.
In questi giorni Riccardo Cotarella, (mi pare dai microfoni del TG2) blindava l’annata come ottima, equilibrata e morbida, ma svolge diligentemente il suo mestiere di comunicatore, e anche  Luciano Ferraro del Corrierone, (intervistando i soliti noti) ci mette del suo, mentre vignaioli e viticoltori stanno zitti e aspettano di veder passare settembre.

Il Sangiovese matura con lentezza nelle zone più fresche, aride e umide, mentre nei terreni più sciolti e ariosi il grappolo intero ha già omogenea un’intensa colorazione bruna.

Non sarà un’annata di quantità, sulle viti generalmente c’è poca uva, mentre in molte dove c’è stata pioggia durante la fioritura e l’allegagione, non ce n’è per niente.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2013 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Sangiovese che matura

  1. silvana ha detto:

    Tutti col fiato sospeso… ma credo che non possa che essere così, ogni anno.

    "Mi piace"

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Lo è ogni anno, non può essere altrimenti……… ora la preoccupazione si chiama botrite, che con questo umido guazzoso è in agguato e anche la maturazione procede con lentezza.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...