Le olive sopravvissute dell’annata 2022

Qualcuna c’è che ha resistito al grande secco e siccità, dopo una fioritura ritardata perchè a inizio giugno si stava sempre con il giubbotto e le piante erano ancora assopite.
Non è come le mele, i cocomeri o i poponi, che a diradare i frutti, vengono più grossi e più belli, le olive quelle sono e non ne basta una più grande che sopperisce in peso e olio a quelle che non ci sono.

Mentre a luglio si irrigano per soccorso o si taglia l’ultima erba sui muri e nei contorni, si ferma anche chi chiede l’olio appena fatto, pensando che le olive siano quotidiane come i pomodori di plastica nei banchi del supermercato e si possa fare l’olio, ogni giorno dell’anno.

Questa voce è stata pubblicata in andrà tutto bene, Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2022, italians, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...