La vetta del K2

Negli anni ’50, nonna Armida, senza l’ausilio di corde e piccozza, come gli scalatori rimasti nella storia Ardito Desio, Achille Compagnoni e Gino Lacedelli, che a quel tempo conquistarono non senza fatica il K2 (la seconda vetta più alta del mondo, ma la più aspra in assoluto) scalava la montagna e apriva un luogo di conforto e di ristoro, denominato, appunto, K2.
Con la generazione successiva di Giorgio e Mariella, è divenuto un nido di accoglienza, grande cucina di piatti tipici e mitici e palestra di due piccole donne rondinotte in crescita.
Le piccole donne, sono divenute due orchidee, mentre i genitori dopo aver composto miliardi di tortelli, trasformato ettari di cipolle in mitica zuppa, rotto i gusci di camion di noci per il pan de’ santi, le torte, le marmellate, gli altri amuleti uscivano dalle cucine di Mariella, hanno deciso che è ora di risentire il vento fra le foglie di castagno, il calduccio del guardare il sole crescere dalle coperte, il rumore del mare e osservare la crescita dei funghi nel bosco.
Saranno tante le persone che fisseranno fra le più struggenti nostalgie, momenti di svago e sapori, ma è anche giusto che dopo aver tanto coccolato, siano i due colossi di Abbadia, a farsi coccolare.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, cose buone dal mondo, Federica, Fotografie 2022, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...